cronaca

Emergenza idrica, l'acqua serve per bere

 

Il sindaco Andrea Sisti firma l’ordinanza che ne vieta l’utilizzo per usi diversi da quelli idropotabili

 

Acqua potabile consentita solo per fini domestici. È quanto dispone l’ordinanza firmata dal sindaco Andrea Sisti a seguito del peggioramento della situazione idrica registrato dalla Valle Umbra Servizi nel territorio del Comune di Spoleto.

Il motivo è ovviamente legato alle scarse piogge e all’aumento delle temperature, una combinazione di fattori che potrebbe generare carenze idriche e una situazione di particolare gravità in relazione agli aspetti sanitari, ambientali ed economici legati all’uso dell’acqua.

Da qui la necessità di vietare l’utilizzo dell’acqua dell’acquedotto pubblico per irrigare orti , giardini o qualunque altra coltura agricola, per riempire vasche e/o piscine. Non solo.

Il divieto riguarda anche l’uso di acqua proveniente da qualsiasi fonte di approvvigionamento per il lavaggio degli automezzi e dei piazzali (fanno eccezione tutte quelle situazioni per le quali è previsto uno specifico atto ordinatorio o prescrizioni autorizzative atte a ridurre inconvenienti igienico ambientali di altra natura), il libero deflusso dell’acqua da fontane private che, pertanto, devono essere dotate di idoneo rubinetto di chiusura che deve rimanere chiuso quando non viene utilizzata l’acqua, l’utilizzo di acqua idropotabile per scopi puramente ludici e l’uso di acqua proveniente dal pubblico acquedotto per usi diversi da quelli idropotabili, igienico sanitari e, in generale, di tutti quelli legittimamente indicati nel contratto di fornitura con il Gestore del Servizio Idrico Integrato.

“È un provvedimento indispensabile in questa fase – ha spiegato il sindaco Andrea Sisti – che è stato necessario adottare per ridurre gli sprechi e gli usi impropri. Chiaramente è una problematica che durante i mesi estivi può presentarsi ma, come stiamo vedendo anche in altre parti d’Italia, dobbiamo fare in modo che una situazione di emergenza non si trasformi in una vera e propria crisi”.​



I commenti dei nostri lettori

Rich

13 giorni fa

Caro Diogene il mio pensiero era rivolto alla comunità ,a differenza sua che cerca di screditare il mio,poteva provare a pensare a qualcosa di utile per la società,ma probabilmente è troppo preso da se stesso e bisognoso di sentirsi superiore ,mi duole anche dirla che il problema è di carattere internazionale ,non nazionale,e nessuno ha detto che con le cisterne siamo apposto , è un esempio che sommato a molti altri esempi ...può imparare a leggere altrimenti c'è Facebook per fare questi tipi di commenti insensati. E io me la stavo prendendo con il governo....

Per Rich e Diogene.

13 giorni fa

Per risparmiare l'acqua, la cosa migliore che si potrebbe fare è di risanare tutte le condutture di distribuzione. Non è un fatto nuovo che in tutta la rete idrica italiana le perdite di acqua che si hanno sono quasi superiori al suo utilizzo. Per evitare ciò, cosa è stato fatto?...Nulla! Come sempre, è più semplice correre al riparo con dei provvedimenti temporanei che penalizzano i cittadini quando la situazione si fa critica. Cari Rich e Diogene, anziché azzuffarvi tra di voi, prendetevela con chi governa questa sgangherata Nazione. Perché chi deve sa che questo problema è conosciuto da anni e non ci voleva la siccità per fargli capire che, per evitare il peggio, bisognava muoversi in tempo. Ossia, tanto tempo fa!

Diogene

14 giorni fa

Per " Rich " : Mi duole constatare che non ha colto il senso della mia risposta al Suo commento, che non vuole essere un "piccolo esempio", ma la constatazione di un problema a carattere nazionale. Se, però, Lei pensa che risolto il problema dell'acqua a Spoleto con le cisterne siamo a posto; la lascio al Suo orticello.

Rich

14 giorni fa

Per Diogene, trovo il tuo commento deprimente , speravo fosse scontato che è un piccolo esempio il mio , magari se vuoi ti spiego pure che fra poche settimane verrà inaugurato l acqua park allo stadio comunale,che in due settimane,periodo di durata dello stesso , immagino di acqua ne verrà sprecata un bel po'.. c'è bisogno di fare l elenco di cosa si potrebbe fare prima di emettere un ordinanza del genere? Sconfortati con l articolo stesso, grazie .

Diogene

14 giorni fa

Per " Rich " : Spero non se voglia; ma trovo il Suo commento sconfortante. Non è raccogliendo la scarsa acqua piovana in cisterne che si può risolvere il problema della scarsità idrica, che è mondiale. Magari fosse possibile !

Rich

15 giorni fa

Sono anni che ci sono scarse risorse d Acqua ,invece di fare queste ordinanze ridicole era molto più onorevole se il comune in questi anni ,decenni , avesse costruito cisterne di raccolta d acqua piovana o qualunque altro mezzo per la raccolta di acqua piovana .al ponte delle torri c'è stata una perdita di acqua durata per anni interi e nessuno ha detto niente . Dovete solo che vergognarvi perché l' acqua è vita per terra e piante non solo ,l acqua serve per bere,perché se hai sete sindaco vai al supermercato a comprare la acqua visto che i nostri orti non possono andarci. Era una situazione prevedibile da gennaio ,allora perché avete permesso di comprare piante da orto in primavera ,spiegatemi .

Consenziente.

16 giorni fa

Ben fatto!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.