politica

Il Pd: 'Il sindaco de Augustinis non ha più una maggioranza'

 

L'intervento dopo quanto accaduto ieri, nell'ultima seduta del consiglio comunale: 'Il Dup ncapace di predisporre un vero piano di rilancio della città una volta usciti dall’emergenza pandemica'

 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Partito Democratico riguardante gli avvenimenti accaduti ieri, durante la seduta del consiglio comunale:

Un voto contrario, sia al Documento unico di programmazione, sia al Bilancio preventivo 2020-2022, quello del Partito Democratico nel Consiglio comunale di oggi. Un voto ampiamente motivato dal Capogruppo Stefano Lisci e dalla Consigliera Camilla Laureti, gli unici presenti in Consiglio comunale dato che i consiglieri Trippetti ed Erbaioli erano entrambi in servizio presso gli ospedali di Spoleto e Foligno. Lisci e Laureti hanno sottolineato come il Dup si prefigura senza una visione di futuro e incapace di predisporre un vero piano di rilancio della città una volta usciti dall’emergenza pandemica. Non vi è nulla che richiami alla profonda crisi che stanno vivendo famiglie e imprese per le quali l’emergenza Covid si è aggiunta ad una profonda crisi che la nostra città stava già scontando: con aziende che chiudono, persone che perdono lavoro e attività commerciali costrette ad abbassare le serrande. Un documento che non individua soluzioni che vadano incontro alle esigenze pressanti che si ripercuotono pesantemente sulla collettività spoletina. Spesso è vero che durante le crisi possono nascere le più grandi opportunità ma, secondo il Partito Democratico, è stata un’altra occasione persa di questa amministrazione.

Non si può tacere quanto invece hanno messo in campo i tre consiglieri rimasti alla Lega, i consiglieri di FdI e la consigliera di FI che durante tutto il lungo dibattito in Consiglio, e da alcune settimane, hanno attaccato il Sindaco e la Giunta in maniera sistematica, smontando punto per punto tutto l’impianto del Dup, salvo poi astenersi alla votazione finale.

Verrebbe da dire: tanto rumore per nulla. Ma aspettiamo di vedere le prossime mosse. Resta da capire inoltre come gli ‘espulsi’ dalla Lega intendano procedere nel loro percorso politico-istituzionale non avendo ancora dichiarato di formare un gruppo autonomo.

Resta il fatto che il Sindaco non ha più una maggioranza e il Consiglio comunale di oggi ne è stata la prova. Ed è questo ora il tema che il Sindaco dovrà affrontare senza perdere tempo. Questa è la cosa che più preoccupa il Partito Democratico perché da qui dipende il futuro della città in un momento grave ed emergenziale come quello che stiamo vivendo. 



I commenti dei nostri lettori

leo neri

4 mesi fa

neanche il governo ha la maggioranza reale eppure sta li...neanche e stato eletto....mangicchia anzi mangia de brutto

Diogene

4 mesi fa

'Il sindaco de Augustinis non ha più una maggioranza' ??? E' POSSIBILE SAPERE CHI ATTUALMENTE A SPOLETO HA LA MAGGIORANZA; MA SOPRATUTTO SONO CURIOSO DI SAPERE DA COLORO CHE ALZANO I TONI NOME E COGNOME DI CHI PROPORREBBERO COME UNA VALIDA ALTERNATIVA.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.