società

Natale, bocciato il progetto del Comune

 

Critica la sezione locale di Confcommercio, che denuncia il mancato coinvolgimento nei tempi giusti. 'Si è persa un’occasione per definire un progetto condiviso'

 

È dal mese di marzo che il mandamento spoletino di Confcommercio ha chiesto più volte all’amministrazione comunale e agli uffici preposti di iniziare a lavorare insieme su un progetto delle luci e degli addobbi di Natale che coinvolgesse tutta la città.

“Siamo stati sempre disponibili a condividere con il Comune il progetto per il Natale 2023/2024, purtroppo però fino al 18 ottobre non è stato possibile”, sottolinea il presidente Tommaso Barbanera. Da qui la presa di posizione del consiglio direttivo dell’Associazione che nell’ultima riunione ha deliberato di non procedere all’attuazione del progetto proposto dal Comune, considerato incompleto e poco condivisibile e frutto di scelte unilaterali. La decisione di Confcommercio è stata comunicata al Comune con una nota ufficiale inviata il 7 novembre.

“Abbiamo fatto pressioni costanti sui referenti comunali e gli uffici di competenza fin dai primi mesi dell’anno – aggiunge il presidente Barbanera - affinché il progetto Luminarie per le festività 2023/2024 potesse essere completo, chiaro e finanziabile. Il 31 ottobre, data dell’ultima riunione con l’amministrazione comunale, abbiamo purtroppo dovuto constatare che tutto era stato deciso, senza alcuna nostra condivisione. Abbiamo messo impegno e speso tempo per trovare fornitori e offerto la nostra collaborazione, ma non è servito a nulla tant’e che non sono state prese in considerazione altre proposte. Sono rammaricato, ma soprattutto dispiaciuto perché si vuole far credere che Confcommercio Spoleto non abbia mantenuto le promesse, quando la verità è che non ha ritenuto di avallare le scelte precostituite del Comune".

"Si è persa un’occasione per definire un progetto condiviso. Rimaniamo comunque a disposizione e come associazione di categoria ci auguriamo che anche quest’anno ci siano luci e addobbi che rallegrino la città durante le festività natalizie”.



I commenti dei nostri lettori

Mirko

7 mesi fa

Nessuno ha messo alla Gogna alcuno. Se quello che è stato affermato è vero, sarebbe ha bello sapere le somme investite dai commercianti, tramite la propria associazione, per fuochi e luminarie, ante Covid. Fatelo sapere, si riderà tutti insieme, buone feste.

Non fidarsi

7 mesi fa

Metafore a parte secondo me le cose è bene saperle tutte senza alzare diti e ancora meno indossare la tonaca di giudice della santa inquisizione, giudicando addirittura la professionalità degli addetti ai lavori! Prima del COVID e di questa amministrazione dedita alla distruzione, comune e commercianti hanno sempre contribuito con i fuochi del festival, le illuminazioni di Spoleto natale zie.... premetto che in molte regioni i comuni si occupano degli addobbi natalizi senza nulla chiedere ai contribuenti. Quindi è il caso di mettere alla cogna sindaco e seguaci non commercianti e rappresentanti vari!

Mirko

7 mesi fa

Per anni,cari commercianti spoletini (tranne pochi illuminati) avete contribuito in pochissimi e con limitatissime risorse,pretendendo che tutto vi dovesse essere dato. Il vostro impegno è stato minimo. Ora che volete? i clienti non si conquistano con le lucine, ma con professionalità, cortesia e convenienza.

Feudo Spoleto

7 mesi fa

I sudditi vanno trattati come sudditi. Ogni iniziativa non calata dall’alto non è presa in considerazione. Vassallo.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.