cultura e spettacolo

Palazzo Collicola, ufficiale Verini

 

La nomina è stata annunciata dal Comune nella mattinata odierna. Il sindaco Sisti: 'Abbiamo voluto cambiare l’impostazione adottata in passato'

 

Sarà Saverio Verini il nuovo direttore della galleria di arte moderna e del sistema museale comunale di Spoleto. È quanto ha stabilito la Commissione nel corso della procedura di valutazione comparativa dei curricula e delle proposte progettuali presentate dai candidati.

Si conclude così l’iter avviato lo scorso gennaio con la pubblicazione dell’avviso per la selezione di un professionista al quale conferire l’incarico individuale di collaborazione per la figura di direttore di Palazzo Collicola, Museo del Tessuto e del Costume, Casa Romana, Museo di scienze del territorio, Museo delle miniere e Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo.

La procedura, attivata con l’obiettivo non solo di individuare un direttore del sistema museale cittadino, ma anche di avere a riguardo un progetto di valorizzazione e un progetto di costituzione di una fondazione di partecipazione, prevedeva una valutazione basata su quattro criteri.

La Commissione, composta dal professore Luca Gammaitoni dell’Università degli Studi di Perugia (presidente), dal direttore del Museo di Arte Contemporanea di Roma (Macro), Luca Lo Pinto e dalla Soprintendete archeologia belle arti e paesaggio dell'Abruzzo, Rosaria Mencarelli ha valutato tanto le “abilità professionali riferibili allo svolgimento dell’incarico” e le “precedenti esperienze documentate relative a progetti e attività di contenuto analogo a quello richiesto dall’amministrazione”, quanto la “qualità e il grado di innovazione del progetto culturale di valorizzazione del sistema museale cittadino” e la “qualità del progetto di costituzione della fondazione di partecipazione relativa al nuovo modello di governance del sistema museale cittadino”.

“Abbiamo voluto cambiare l’impostazione adottata in passato, rendendo oggetto di valutazione non solo i curricula dei candidati, ma anche le proposte relative al sistema di governance che intendiamo perseguire per il nostro sistema museale – ha spiegato il sindaco Andrea Sisti – Da qui la necessità di avviare una procedura comparativa e di nominare una commissione di esperti in grado di valutare anche le diverse proposte progettuali. Dobbiamo guardare al nostro patrimonio artistico, culturale e ambientale come a un insieme capace di generare valore in quanto tale e non come ad un sistema composto da singole realtà scollegate”.



I commenti dei nostri lettori

"Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quello che lascia, e non sa quello che trova"

1 anno fa

Replica della commedia alla spoletina.

De Rubato

1 anno fa

Finalmente abbiamo voltato pagina i vecchietti volponi che hanno fatto il bello e cattivo tempo per anni ora sono definitivamente pensionati hanno stravolto palazzo Collicola(vedi trasferimento della collezione permanente al secondo piano, cancellato importanti opere contemporanee approvato un impianto di illuminazione pietoso fatto dichiarazione semiagibile il primo piano sciacallando sui presunti denari del terremotato ecc.) qualcuno rosica e va bene . Buon lavoro direttore e si guardi le spalle

Finalmente viene chiusa la questione.

1 anno fa

Ora si attendono i risultati.

michael g. jacob

1 anno fa

'Abbiamo voluto cambiare l’impostazione adottata in passato,' dice il Sindaco Sisti, ammettendo in effetti che volevo sostituire il Direttore della Galleria d'Arte Moderna, Marco Tonelli, con una figura diversa. Una figura già scelta, più qualificata? Il Sindaco aveva informato Tonelli che stava partecipando ad un bando pubblico che aveva già perso? Nel nome della trasparenza, mi sembra un comportamento poco trasparente.

Diogene

1 anno fa

BENE , LA NOMINA E' STATA FATTA . ORA ; PRIMA DI FORMULARE STENTOREI E AVVENTATI GIUDIZI , LASCIAMOLO LAVORARE .

Nostradamus

1 anno fa

😂😂😂🤣🤣🤣🤣🎉🎉🎉🎉🍹🍹🍹🍹..non po esse dai....🇮🇹🇮🇹🇮🇹🇮🇹🤣🤣🤣

Michae G Jacob

1 anno fa

Abbiamo voluto cambiare, ha detto il Sindaco? Il direttore Tonelli fosse informato dell'intento a scaricarlo? Non credo che avrebbe partecipato al concorso semmai. C'è bisogno di chiarezza per dimostrare la trasparenza delle decisioni prese nel Comune.

OPEN YOUR EYES

1 anno fa

mah.... Speriamo che sia un esperto di comunicazione anche tramite social network. Perchè Spoleto non ha bisogno di Direttori di etichetta o peggio di indirizzo politico , ma di professionisti di comunicazione. Non ci manca niente!!! Il maggior patrimonio artistico e culturale dell'Umbria pubblicizzato male.

Signor Smith

1 anno fa

Il Signor Sindaco annuncia di aver "voluto cambiare l’impostazione adottata in passato, rendendo oggetto di valutazione non solo i curricula dei candidati, ma anche le proposte relative al sistema di governance che intendiamo perseguire per il nostro sistema museale". Spero che la documentazione presentata dai candidati, nonché i loro "progetti per la governance" vengano resi pubblici, in primo luogo perché sarebbe molto interessante poter capire la logica secondo cui l'amministrazione si è mossa. Ma anche perché credo ci sia la legittima curiosità di capire quale sia - per dirne una - l'istituzione museale che Verini ha diretto negli ultimi 3 anni. Interessante sapere anche in quale università abbia insegnato od effettuato ricerca (lettera B dell'art. 7 del bando)... cose che dal CV reperibile in rete non si riesce a desumere. L'impressione è che si sia voluto togliere di mezzo un Direttore che sembrava aver ben lavorato, per rimpiazzarlo con qualcuno che non pare essere migliore, se non per questioni parentali (ma non ci voglio credere...). Non sarebbe poi male capire secondo quale logica siano stati individuati i componenti della commissione che ha valutato i candidati, e quali siano state le loro valutazioni degli stessi.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.