cultura e spettacolo

Prosegue la rassegna 'Contaminazioni'

 

Tanti gli appuntamenti che andranno in scena oggi e nella giornata di domani: il programma completo

 

Con l’inaugurazione della mostra dei vincitori delle sezioni fumetto e fotografia a palazzo Mauri, e la presentazione del videoclip meta fotografico “Quello che gli occhi non vedono” - ideato da Giacomo Ramaccini, è decollata la rassegna artistico - letteraria “Contaminazioni“, che prevede vari eventi nella settimana tra domenica 18 settembre e sabato 24 settembre e il cui interesse specifico è quello di esplorare nel concreto del lavoro artistico, le commistioni e gli sconfinamenti tra vari generi e linguaggi artistici che tendono a contaminarsi vicendevolmente e a unificare le procedure creative.     

Domenica 18 si è tenuto il matinée alla sala Pegasus, incentrato sulla presentazione del progetto “Strippando“, a cura di Luca Raffaelli, basato sull’idea di teatralizzare un fumetto. Un’idea prefigurata da Andrea Pazienza giunta fino a noi attraverso un raro e toccante filmato d’epoca conservato nell’archivio di Raffaelli nel quale, con alcuni suoi collaboratori, lo stesso Pazienza legge uno dei suoi fumetti. È seguita poi la proiezione del film d’animazione “Yaya e Lennie  - The Walking Liberty” introdotto dal regista napoletano Alessandro Rak. 

Nel pomeriggio al Teatro Caio Melisso è stata la volta del toccante spettacolo “Mio Sacro Poco” dedicato a Pier Paolo Pasolini, poeta, regista, letterato, polemista lucido che, a cavallo degli anni ’60 e ’70, aveva condotto una critica sistematica alla nascente società dei consumi e all’etica borghese. Si è trattato di un ritratto interiore dell’artista di cui il gruppo teatrale, costituito di sole donne, ha messo in luce il suo rapporto con alcune figure femminili chiave della sua vita personale, del suo repertorio intellettuale, drammaturgico e cinematografico. Un “teatro delle ombre”, una fantasmagorica messa in scena molto delicata e mesta che si trasforma, nel finale, in uno straziante requiem di anime che avvolgono Pasolini come un sudario, una sorta di muta pietà collettiva.  Essenziale e coerente con la drammaturgia, la scenografia di impronta minimalista. Ideazione e regia di Fabiana Vivani, gruppo teatrale Aletheia. 

Venerdì 23 alle ore 17.00 avverrà la presentazione del romanzo “Il re della giostra” di Marco Paoli intervistato da Roberto Rapastella e, dalle ore 18.00 alle 19.30 ‘10 riflessioni 10: vuoi migliorare la tua scrittura?’, corso di scrittura creativa a cura dell’editor Natascia Cortesi.  

Il gran finale è previsto per sabato 24 settembre al Teatro Caio Melisso: alle ore 10.30 la presentazione del romanzo ‘Questioni di sangue’ di Anna Vera Viva e, alle ore 11.30, l’incontro con Massimo Carlotto che presenterà il romanzo ‘Il Francese’ (entrambi gli autori verranno intervistati da Roberto D’Orsi), mentre dalle ore 17.00 alle 19.30 si terrà la cerimonia di premiazione del concorso letterario nazionale Spoleto Calling 2022.   

La rassegna è patrocinata dal Comune di Spoleto e dalla Provincia di Perugia, con il contributo della Fondazione Carispo e apre il cartellone degli eventi culturali del palinsesto “Accade a Spoleto d’autunno” . Un ringraziamento particolare alle aziende “Pietro Coricelli”, “Fratelli Musco S.N.C.“ e all’azienda agricola san sabino per aver messo a disposizione dei vincitori del concorso artistico letterario il meglio della loro produzione agro-alimentare.  



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.