politica

Dal M5S altro no all’inceneritore

 

L'argomento è stato discusso nel corso dell'incontro 'La Fabbrica dei materiali'. De Luca: 'Con il recupero si crea ricchezza'

 

Momento di confronto e di forte partecipazione al Cantiere Oberdan di Spoleto con 'La Fabbrica dei Materiali Umbria - la transizione ecologica del ciclo dei rifiuti'. Presenti con il portavoce regionale del M5S Umbria, Thomas De Luca, la senatrice Emma Pavanelli, il sindaco di Spoleto Andrea Sisti, l'assessora alla transizione ecologica Agnese Protasi. In sala, tra gli altri, anche gli attivisti del Comitato Rifiuti Zero Spoleto, Cittadinanzattiva di Spoleto e Retake Spoleto.

La proposta del Movimento 5 Stelle Umbria si basa su una premessa: "La materia è un bene strategico per il nostro Paese - ha spiegato Thomas De Luca - specie in un momento in cui il depauperamento delle risorse e la corsa all'approvvigionamento energetico crea forti tensioni. Il processo di gestione dei rifiuti ha un enorme impatto climatico. Dobbiamo iniziare a pensare come ripulire l'ambiente, mettere in sicurezza le discariche e attuare una piena transizione ecologica".

Tanti i temi affrontati, a cominciare dal dato critico del conferimento in discarica pari al 40% dei rifiuti attualmente prodotti in Umbria. Buono il tasso di riciclaggio (58%) che però può aumentare verticalmente con un'adeguata impiantistica. Paradossale la quantità di organico (21%) che finisce in discarica e che invece potrebbe essere sin da oggi inserita in un paradigma di circolarità. Senza contare che solo la metà della plastica raccolta viene differenziata, e meno della metà a sua volta recuperata.

Eloquente il caso di Ferentillo e Scheggino, paesi confinanti. Mentre Scheggino produce una media annua di 680 kg di rifiuti pro capite ed ha una percentuale di raccolta differenziata del 18,7%, la vicina Ferentillo produce 361 kg abitante ogni anno e ha una raccolta differenziata del 73,7%. Peggiore ancora il dato di Poggiodomo (803 kg di rifiuti prodotti per abitante ogni anno) peso equivalente ad 1 mozzicone di sigaretta gettato ogni 7 secondi. "Dati che dimostrano come dove c'è meno raccolta differenziata, c'è maggiore produzione dei rifiuti - ha spiegato De Luca - mentre dove si applica veramente il principio del 'chi più inquina paga' è possibile vedere poi comportamenti virtuosi. La gestione del ciclo rifiuti è anzitutto fenomeno sociale e umano".

Considerazioni raccolte dal sindaco di Spoleto, Andrea Sisti, che ha sottolineato: "Il M5S è l'unica forza con cui è possibile parlare di questi temi con un approccio diverso dalla logica inceneritore-discarica. Dopo 30 anni il problema dei metalli pesanti nell'organico è ancora attuale. Chi produce i rifiuti deve assumersi le responsabilità e i relativi costi, in primis le aziende. Lo Stato non può scaricare il peso delle tariffe solo sui cittadini. Così non c'è la responsabilità di una vera filiera".

Per la senatrice Emma Pavanelli: "Il piano del M5S è in linea con le direttive europee, quello della giunta Tesei è vecchio e obsoleto. L'Europa ha capito che la direttiva sulle plastiche monouso non basta e sta lavorando a un nuovo approccio per il tessile e non solo. I nostri imprenditori sanno gestire i rifiuti, sono le Regioni e i Comuni a non saperlo fare. L'Italia ha un know how incredibile, un'infinità di aziende innovatrici e una storia legata al rinnovamento del tessile".

"Il piano Tesei - ha detto in chiusura De Luca - è costruito sulla necessità di generare la quantità necessaria di rifiuto per alimentare l'inceneritore. Qualcuno dice che la differenziata costa tanto? E' falso. Dove c'è più alto recupero di materia la gestione dei rifiuti costa meno. La differenziata e il recupero di materia costano meno di discariche e inceneritori. Conferire in discarica costa, recuperare materia crea un introito".

Parlare di inceneritore come asset strategico per la transizione energetica, quindi, secondo il Piano Fabbrica dei Materiali è una balla: "È impossibile basare l'indipendenza energetica sull'incenerimento. Basti pensare che 37 inceneritori attualmente attivi in Italia che trattano 6 milioni di tonnellate di rifiuti producono l'1,4% del fabbisogno elettrico nazionale. La nostra proposta nasce dalla visione di transizione ecologica dei rifiuti che l'Europa ci chiede di avere. Arrivare al 2050 con questo approccio significa agire su tanti aspetti della nostra vita. Ragionare in ottica di transizione significa intervenire su riduzione, recupero, raccolta differenziata. Sulla riduzione attraverso compostaggio individuale e di comunità, transizione digitale, eco-compattatori, pap riutilizzabili, usato tessile e accessori, condivisione elettrodomestici, centri di riuso. E poi aumentare il recupero diminuendo lo scarto attraverso compostaggio e impianti di selezione automatizzata".

La 'Fabbrica dei Materiali Umbria - la transizione ecologica del ciclo dei rifiuti' proseguirà il suo giro in tutti i territori dell'Umbria venerdì 29 luglio a Corciano.



I commenti dei nostri lettori

Diogene

24 giorni fa

Per " Teodolapio " : Lei parla di " vantaggi " e " prospettiva " ed è proprio quello che è nella logica di Thomas DE Luca con una seria e puntuale raccolta differenziata; i materiali (carta, plastica, vetro, recupero pc , elettrodomestici ecc.) possono e devono essere rivenduti c'è richiesta anche dall'Estero con un notevole ritorno economico. Gli inceneritori (termovalorizzatori) sono in grado di fornire,tolti i costi di gestione e ammortamento,un E G U A L I T A R I O ritorno sociale ??? P.S.:Per " Supersix "le Sue sterili critiche non meritano neanche replica!

Teodelapio

25 giorni fa

La logica di Thomas De Luca è la stessa che il M5S ha estrenuamente portato avanti su Roma (si ostina anche a parlare di inceneritori e non di TERMOVALORIZZATORI). E purtroppo per Spoleto Andrea Sisti non si chiama Roberto Gualtieri. So già come andrà a finire. il TERMOVALORIZZATORE lo faranno a Foligno prendendosi (come al solito) tutti i vantaggi che non sono solo quelli derivanti dall'eliminare i disagi dello "stoccaggio" (sia nei bidoni che in zone stabilite), dei rifiuti, ma anche dei minori costi di tasse, dei numerosi posti di lavoro che genera e in più dovremmo, come gli altri comuni limitrofi, pagarli pure per permettergli di riciclare i nostri rifiuti in energia (a costo quasi zero) a vantaggio solo dei folignati. Questo perchè non sappiamo MAI guardare le cose in prospettiva.

Supersix

25 giorni fa

A De luca …….ma vai a lavorare che se fosse per te non esisterebbe una fabbrica …..e non chiamarli inceneritori ma termovalorizzatori

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.