economia

Preoccupa il futuro dell'ex Maran

 

Murro chiede chiarimenti al sindaco Sisti sul futuro dell'azienda, dopo il contatto telefonico avuto con Hoist nei giorni scorsi

 

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Rosario Murro riguardante l’ex Maran

“Scrivendo questo articolo sicuramente commetterò qualche peccato, non mi sento un santo, ma quando sulla ‘graticola’ ci sono ben 160 Lavoratori di una’ex Maran che neanche 4 anni fa furono partecipi di una torrida estate con tanto di decurtazione di emolumenti e livelli, il tutto per salvare il salvabile da un certo fallimento, posso dire che in questi ambiti mi sa meglio fare peccato.

Specialmente quando la Hoist rimane troppo in silenzio, senza aggiornare Lavoratori e Sindacati, portando avanti una "unica" manifestazione d'interesse per la vendita della Sede Hoist di Spoleto in un periodo del tutto "inusuale", con il caldo estivo e nel ben mezzo delle ferie, lasciando girare voci tra i Lavoratori di una intesa "vincolante" forse trovata e che doveva essere confermata e portata a conoscenza delle Sigle Sindacali già in questi giorni.

In qualità di ex delegato per le Aziende in Crisi nel Comune di Spoleto, unitamente ai Sindacati che già si sono espressi circa 10 giorni fa, inizio ad essere molto preoccupato. Conoscendo bene la storia della Ex Maran ed Ex R&S ed avendo partecipato nel 2018 per conto del Sindaco dell'epoca De Augustinis ad un Tavolo per questa vertenza presso il Ministero del Lavoro.

A pensar male si fa peccato? Ed allora mi chiedo, come mai questo silenzio "assordante" tanto bene alle porte di un mese molto particolare come quello di Agosto? Ditemi se queste domande possono far peccato o sono lecite, nel rispetto dei Lavoratori e dei Sindacati che attendono garanzie e risposte da una "vendita lampo" estiva... vincolante od ancora non vincolante?

In virtù di ciò, sempre da ex delegato delle aziende in crisi a Spoleto e tramite le presenti righe, chiedo al Sindaco di Spoleto Sisti d'informare immediatamente l'opinione pubblica circa il contatto telefonico prefissato con i Responsabili di Hoist Finance, come sua dichiarazione durante il Consiglio Comunale di Spoleto in data 14 Luglio scorso”.



I commenti dei nostri lettori

Luigi cintioli

28 giorni fa

Confermo quanto scritto, per me il vostro non è un lavoro. E non vi ritengo lavoratori. Ps. Il sindaco che c’entra? Dr Luigi cintioli

Lele

29 giorni fa

Sig Cintioli il recupero crediti è un lavoro… venga a trovarci in azienda e saremo ben lieti di farle vedere la professionalità e conpetenza necessarie per svolgerle. Se poi ha suggerimenti saremo lieti di venire a lavorate da lei!!!!!!! Ringrazio il Sig Murro che sempre ci mette la faccia

Diogene

1 mese fa

Ai Sindacati (inconcludenti) si aggiunge anche questa voce (flebile e tardiva) che chiede all'Amministrazione di fornire informazioni come se fosse il Sindaco stesso ad avere la P A L L A in mano per risolvere.

Luigi cintioli

1 mese fa

Questi signori fanno recupero crediti. Vi sembra un lavoro questo? Dr luigi cintioli

I peccati sono altri.

1 mese fa

Tranquillo Sigor Murro, anche se si sa che Lei non è un santo, quello che ha scritto non è un peccato. E anche se lo fosse i lavoratori della Maran lo assolverebbero perché è l'unico in questa città che si preoccupa di loro.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.