politica

'Posterna, come volevasi dimostrare'

 

Avanzata, dai proprietari degli appartamenti, una richiesta di risarcimento danni nei confronti del Comune. Il commento del consigliere Grifoni, più volte intervenuto in passato sul tema

 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del consigliere comunale Sergio Grifoni (Obiettivo Comune) riguardante la vicenda della Posterna:

"Annosa vertenza del palazzo della Posterna: ciò che si poteva, e si doveva, cercare di evitare, purtroppo ha preso corpo ed in maniera veramente pesante. La quasi totalità dei proprietari degli appartamenti costruiti in tale area (14 su 16) hanno avanzato presso il tribunale di Spoleto, una richiesta di risarcimento danni di ben cinque milioni di euro. E se dovesse essere accolta, chi dovrà pagare? Il Comune ovviamente!!!! Visto soprattutto che il secondo soggetto chiamato in causa, ovvero la società di costruzione degli immobili, è attualmente in liquidazione.

Lo scorso tredici dicembre, avevo presentato una interpellanza urgente al nostro Sindaco, chiedendo testualmente: “Quali azioni concrete l’Amministrazione Comunale intende mettere in atto per poter risolvere una volta per tutte la vertenza Posterna che, se non definita, potrebbe significare una danno economico non indifferente per il Comune”. A seguito di ciò, e dopo numerosi solleciti, il sindaco Sisti mi ha risposto, affermando che stava valutando con i legali una eventuale soluzione e che, comunque, per tacitare il malcontento dei proprietari degli appartamenti interessati, avrebbe organizzato un incontro con gli stessi.

Incontro che non è mai, e dico mai, avvenuto!!!! In seguito, in più occasioni ho sollecitato il Sindaco affinchè portasse a termine tale proposito: tutti appelli caduti nel vuoto!! Anche la Procura di Firenze si era pronunciata auspicando un bonario accordo tra le parti, ma nemmeno ciò è servito a stimolare l’Amministrazione Comunale in tal senso. Ed oggi ci ritroviamo con questa pesante tegola sulla testa, innescata da parte di chi, oltre ad essere esasperato, è stato completamente ignorato. Perché non si è cercato di evitare tale epilogo? Quali sono gli elementi probanti che assicurano il Sindaco Sisti sulla non responsabilità del Comune e sulla possibilità concreta di evitare di pagare il risarcimento richiesto 

Perché si è dovuti arrivare a questa esasperata conclusione che, a prescindere dall’esito finale, genererà comunque un aggravio economico per le tasche dei cittadini? Una situazione poi che potrebbe non fermarsi qui, visto che, come da più parti si legge se, nella malaugurata ipotesi, si dovesse arrivare alla demolizione degli stabili, la richiesta di risarcimento arriverebbe in totale a quasi trenta milioni di euro. Praticamente il baratro economico per il nostro Comune!!! E tutto questo, solo per non aver avuto la volontà e l’accortezza di alzare il telefono e convocare intorno ad un tavolo i soggetti interessati, che stavano aspettando quella telefonata. Si è persa l’occasione di cercare la migliore soluzione attraverso il dialogo costruttivo, preferendo il muro contro muro. Tanto paga Pantalone!!!!!".



I commenti dei nostri lettori

Diogene

1 mese fa

18 Luglio 2022:LE VELE DI SCAMPIA APRONO LE PORTE ALL'UNIVERSITÀ FEDERICO II Dopo 16 (lunghissimi) anni di lavori, i corsi di Scuola di Medicina e Chirurgia dell'Ateneo si spostano in un'area partenopea protagonista di un progetto di rigenerazione sociale. LEGGENDO QUESTO MI DOMANDO:NON SI POTEVA SANARE IL PALAZZO DELLA POSTERNA ? Tulipani,Laureti,Brunini,Benedetti,Caldarelli/Bececco, De Augustinis/Tombesi si sono succeduti nel corso di circa 30 (trenta) anni con quale risultato ?

GUERRINO FIORETTI

1 mese fa

ISTRUZIONE E FORMAZIONE Sergio Grifoni Spoleto sergio.grifomnio@me.com 28/05/1955-DAL 1990 AL 1995 Segretario comunale della DC negli anni ‘80, nonchè dirigente provinciale e regionale.-dal 2009 al 2014 Assessore comunale DC-dal 1982 al 1998 Consigliere comunale eletto nella lista civica “Prima Spoleto”. Questo è un estratto del C.V del Signor Grifoni, cosa ha fatto lui per l'Ecomostro? Questione nata se non erro con la giunta Laureti e collega alla mobilita alternativa. O solo per L'ospedale le colpe partono da lontano? Mentre invece lo hanno chiuso i partiti per cui il Signore si è candidato a Sindaco. Nessuno vuole difendere un Sindaco silente, che si è dotato pure di un portavoce, che appare più afono di portavoce nensionato da in un "famoso" libro.

Egeri

1 mese fa

Anche io chiesi al compianto Sindaco Caldarelli di fare qualcosa ma rispose che quando c'è di mezzo la magistratura non c'è niente da fare. Penso che veramente si dovrebbe addivenire ad una sanatoria nell'interesse di tutti ed atteso che gli edifici sono stati realizzati con tutte le approvazioni previste. Però non c'è riuscito De Augustinis la vedo difficile. Pagheremo noi cittadini

Signor Smith

1 mese fa

Davvero una pessima vicenda questa della Posterna... c'era chi lo chiamava "ecomostro" e lungamente ne combatté la realizzazione, e c'era chi faceva finta di niente... indubbiamente grandissime sono le responsabilità dell'Amministrazione Comunale (per carità di patria non indico schieramenti o persone) nella gestione di una vicenda nata male e finita peggio. La cosa grottesca è che - ad oggi - ancora non si sa esattamente "quanto" peggio! Ed è l'attuale amministrazione che si ritrova con il cerino in mano... Sarebbe cosa buona per Spoleto e per la cittadinanza spoletina fare un ripassino della vicenda, dei suoi termini e delle responsabilità delle persone coinvolte, personalmente o per ruoli istituzionali ricoperti. Non tanto per alimentare una caccia alle streghe, che, oggi, avrebbe poco senso... ma perché almeno dalla vicenda se ne tragga insegnamento per il futuro.

Toh, finalmente da un consigliere un commento interessante.

1 mese fa

Anche se spesso gli interventi di Grifoni agli spoletini rimangono indigesti come qualche chilo di porchetta sullo stomaco, questa volta bisogna dargli atto che ha toccato un tasto molto interessante per la città e i cittadini. Infatti, in questa nostra bell'Italia capita sovente che per risolvere alcune questioni bollenti, o su di esse si fa un un gran silenzio, con la speranza che si raffreddino e che finiscano nel dimenticatoio, o che si alzi un gran polverone per confondere la situazione e per fare in modo che nessuno ci capisca più niente. Insomma, è un metodo ingegnoso per evitare che venga a galla la verità e che qualcuno risulti colpevole. Tanto si sa che in caso di necessità si può sempre contare sulla generosità dei cittadini che, comprensivi, con i pochi spiccioli rimastegli nel borsellino, tutti assieme, sono pronti a donare un bel gruzzoletto. E mentre viene attuato il trattamento di depilazione completa dei cittadini, (anche delle loro parti intime), i "marronari" non si scottano le dita. E molta gente rimane senza mutande.

Diogene

1 mese fa

Trovo questa nota del Consigliere Sergio Grifoni una mera propaganda politica . Addossare la totale responsabilità ( con tanto di eccessivi quanto inutili punti esclamativi ) all'attuale Amministrazione nei modi e nei tempi e soprattutto nella patetica conclusione è una palese forzatura. Il vero reale problema è che per troppi anni si è tergiversato sul da farsi.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.