cultura e spettacolo

Festival, al via la 65esima edizione

 

Venerdì 24 giugno s'inaugura il 65° Festival dei Due Mondi di Spoleto

 

La sessantacinquesima edizione del Festival dei Due Mondi s’inaugura venerdì 24 giugno alle ore 19:30, con il concerto della Budapest Festival Orchestra diretta da Iván Fischer in Piazza Duomo. L’Orchestra di Budapest è raggiunta dal Coro dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia per la prima esecuzione europea dell’oratorio di Philip Glass The Passion of Ramakrishna, accostato alla Suite n. 4 in re maggiore per orchestra di Johann Sebastian Bach.  La sezione Danza si apre con la celebre coreografia del Sacre du printemps di Pina Bausch, riletto dai ballerini della senegalese École des Sables fondata da Germaine Acogny, interprete con Malou Airaudo della seconda parte del dittico – lo spettacolo common ground[s] – dal 24 al 27 giugno al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti (ore 21:30, 20:30, 16:00, 20:30). In scena al Teatro Romano sabato 25 e domenica 26 giugno (ore 21:30) Through the Grapevine di Alexander Vantournhout, coreografo belga che sfida il danzatore Axel Guérin a mantenere un costante contatto fisico in un eccentrico pas-de-deux. Nella Sala XVII settembre del Teatro Nuovo inizia Le Bal de Paris, spettacolo immersivo in realtà aumentata – in scena fino alla fine del Festival (giorni e orari su www.festivadispoleto.com) – dove gli spettatori sono invitati a partecipare al ballo ideato dalla coreografa spagnola Blanca Li, indossando visori ottici e sensori di movimento nel mondo reale e costumi di Chanel in quello virtuale. Arriva per la prima volta in Italia il Teatro Musicale dei registi francesi Jeanne Candel e Samuel Achache: da venerdì 24 a domenica 26 giugno a San Simone (ore 21:30, 19:00, 19:00) lo spettacolo Le Crocodile trompeur / Didon et Énée, vincitore del Premio Molière nel 2014 e tratto dall’opera di Henry Purcell, intreccia teatro shakespeariano e dramma musicale e coinvolge uno straordinario cast di attori che sono anche musicisti. Da venerdì 24 a domenica 26 giugno all’Auditorium della Stella (ore 19:45, ore 17:00, 17:00) debutta a Spoleto L’appuntamento ossia la storia di un cazzo ebreo, lo spettacolo con la regia di Fabio Cherstich tratto dal romanzo rivelazione del 2020 di Katharina Volckmer, nella nuova produzione del Teatro Franco Parenti. I musicisti della Budapest Festival Orchestra curano anche la rassegna di concerti da camera, a mezzogiorno e alle ore 17:00, al Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi, tra musica contemporanea e barocca.

Grande attesa per la residenza di Barbara Hannigan, straordinaria cantante e direttrice d’orchestra invitata a Spoleto con una “carta bianca” e presente in quattro diversi concerti: sul podio come solista e direttrice dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per La Voix Humaine di Poulenc (2 luglio, Piazza Duomo), in duo con il pianista Stephen Gosling per Jumalattaret con musiche di John Zorn (3 luglio, Teatro Romano), al Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi per l’happening musicale di domenica 10 luglio insieme ad Alessandro Carbonare e Antonio Pappano, con il quale condivide anche il palcoscenico del concerto finale (10 luglio, Piazza Duomo).

Fino al 10 luglio 2022 il cartellone ospita le migliori esperienze performative a livello internazionale, valorizzando teatri, spazi all’aperto e luoghi non convenzionali, di cui Spoleto offre una concentrazione unica in Italia: più di 60 spettacoli in 17 giorni, tutti in prima italiana, con più di 500 artisti da 36 paesi in 19 sedi. Tra gli appuntamenti in arrivo la proposta musicale include jazz, elettronica e contemporanea, dalla rassegna di musica americana dell’ensemble Sentieri selvaggi alla performance di Tovel, tra sculture di pianoforti preparati ed elaborazione elettronica. Da non perdere le voci di Angelique Kidjo, Mariza e Dianne Reeves, in Piazza Duomo con i loro speciali concerti per Spoleto. Attesa per la nuova coreografia di Anne Teresa De Keersmaeker, l’omaggio a Trisha Brown a cinque anni dalla scomparsa, e i lavori della nuova generazione di coreografe e coreografi come Ayelen Parolin, Luz Arcas e Yoann Bourgeois. La sezione Teatro porta a Spoleto il regista tedesco Thomas Ostermeier e presenta gli ultimi lavori di drammaturghi italiani quali Leonardo Lidi, Davide Enia e del duo RezzaMastrella.

Intorno al cartellone ufficiale gli appuntamenti collaterali e gli eventi speciali fanno di Spoleto un luogo vivo della creazione artistica dei nostri giorni: incontri con gli artisti, premi, istallazioni d’arte, rassegne cinematografiche e mostre. L’artista Anselm Kiefer firma il manifesto ufficiale della 65ma edizione. Prosegue, con un impulso sempre più incisivo, il progetto avviato nel 2021 per rendere la macchina organizzativa del Festival aderente ai principi dello sviluppo sostenibile, perseguendo, con azioni concrete e mirate, alcuni degli obiettivi dell’Agenda 2030.



I commenti dei nostri lettori

È una questione di delicata sensibilità per quanto accaduto.

11 giorni fa

Quindi, gli organizzatori di questo evento, provano questa sensibilità. Sia nei confronti della giustizia, sia nei confronti delle vittime, sia nei confronti dei mafiosi. È il pubblico che dovrà dimostrare quale prevale.

Salvatore Taverna

11 giorni fa

Coloro che hanno patrocinato questa scellerata esibizione si sono chiesti se, in ipotesi, tra i numerosi detenuti della Casa di detenzione di Maiano sottoposti al regime carcerario del 41 bis non vi siano persone associate alla mafia e direttamente o indirettamente collegate alla strage di Capaci? E se - sempre in ipotesi - quei detenuti ti e/o le loro famiglie spesso presenti sul territorio Spoleto, nell'apprendere della performance, provino orrore per quello che venne fatto, ovvero orgoglio e auto-stima per aver quello che i loro capi erano stati in grado di fare? A mio avviso, solo da chi non conosce (o non si vuole conoscere) cosa siano effettivamente la mafia e i mafiosi poteva realizzarsi questa nefandezza: probabilmente, nulla di voluto, ma superficialità è ignoranza. La qualcosa, per un amministratore pubblico è cosa ben peggiore. Povera Spoleto in che mani è caduta.

Rosario Murro

12 giorni fa

Questa volta non sono proprio d'accordo. Gli Eroi non hanno bisogno di Teatralità.

Rosario Murro

12 giorni fa

Una macraba e raccapricciante decisione! La civile Spoleto non puo' accettare questo. Gli Eroi non hanno bisogno di teatralita'.

Michele Sabatini

13 giorni fa

È una iniziativa macabra che nel contesto del Festival non ha nulla a che fare. Mi piacerebbe conoscere chi è l'ideatore. Piuttosto sarebbe opportuno collocare e dedicare una statua ai giudici Falcone e Borsellino collocando la nei pressi della futura rotatoria di Piazza della Vittoria.

De Rubato

13 giorni fa

Ma non è materiale sotto sequestro? Anche se non è mai una buona cosa ostracizzare fatti culturali, se è vero come immagino che si espone tale materiale mi sembra francamente di cattivo gusto;oppure sarà tema di polemica visto lo scarso programma in cartellone! Una vera vergogna non aprire il FESTIVAL senza la rappresentazione di un opera. Tempi che cambiano ma in peggio...

U.de augustinis

13 giorni fa

Apprendo oggi che, nell'ambito dello Spoleto festival, saranno esibiti i resti di una delle auto che conteneva gli uomini della scorta di Giovanni Falcone, uccisi nella strage di Capaci. Francamente mi stupisce che il Festival, caratterizzato un tempo dalla classe di Giancarlo Menotti,possa accogliere un evento del genere, che unitamente all'ancora più orrenda strage di via D'Amelio, segna soprattutto l'incapacita dello Stato a difendere due dei migliori suoi servitori. Senza contare che si tratta di vicende delle quali ricorrono trent'anni senza che si sia neppure fatta ancora piena luce,come spesso hanno sottolineato i parenti di Paolo Borsellino. Penso che la legalità si difenda col coraggio quotidiano nell'affrontare le mafie,ovunque si trovino e di chiunque si servano e non con la spettacolarizzazione dell'infamia. Umberto de Augustinis

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.