cultura e spettacolo

Uno spoletino insegna Dante ai toscani: lo strano caso di Giovanni di ser Buccio

 

La conferenza dedicata all'illustre studioso si terrà lunedì a palazzo Mauri

 

Rodney John Lokaj, docente di filologia italiana all’Università di Enna “Kore” e Luigi Rambotti, già direttore dell’Archivio di Stato di Perugia, terranno una conferenza sull’illustre (e oggi poco noto) studioso spoletino che è stato tra i primi commentatori della Divina Commedia nel ‘400 e che annovera tra i suoi alunni S. Bernardino da Siena ed Enea Silvio Piccolomini, futuro papa Pio II.

Parteciperanno alla conferenza Uno spoletino insegna Dante ai toscani – Lo strano caso di Giovanni di ser Buccio" Danilo Chiodetti, assessore alla valorizzazione delle culture, della qualità e della bellezza della Città e del territorio del Comune di Spoleto e Cinzia Rutili, direttrice dell’Archivio di Stato di Perugia.

L'appuntamento rientra nell’ambito delle iniziative di DANTE NELLE TERRE DEL DUCATO organizzate dalla Biblioteca comunale “Giosuè Carducci” e dall’Archivio di Stato di Perugia in occasione del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri.

L’ingresso è libero ma su prenotazione.

PRENOTAZIONI 

Email: biblioteca.comunale@comune.spoleto.pg.it – Tel. 0743.218801

Ai sensi della normativa vigente, per accedere alla biblioteca occorre esibire il Green Pass (dai 12 anni) ed indossare la mascherina (per i bambini sopra i 6 anni).



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.