cultura e spettacolo

Cosa vedere da giovedì 30 settembre al Cinéma Sala Pegasus

 

In programmazione in questa settimana 'Titane', 'Fino all'ultimo respiro' e 'Tre Piani'

 

Da giovedì 30 settembre in sala arriva il film vincitore della Palma d’oro alla 74ª edizione del Festival di Cannes TITANE della regista Julia Ducournau. Alexia adora le automobili, sin da quando, bambina, un incidente le ha donato una placca di titanio nella testa. Facendola rinascere, gonfia di rabbia e amore represso che la trasformeranno in un essere ibrido e nuovo. Perché la metamorfosi si completi, dovrà scoprire la forza potente che muove le cose del mondo: l’essere umani.

Quello di Julia Ducournau è un cinema furioso e visionario che esce dalla routine di ciò che è 'accettabile' in un film d’autore; è un racconto che non obbedisce ad altro che alla voglia di raccontare, nel modo più punk possibile, la storia di due anime fragili. In programmazione anche in versione originale sottotitolata. Vietato ai minori di 18 anni.

Dal 3 ottobre il film-manifesto della Nouvelle Vague, ora restaurato grazie alla Cineteca di Bologna, Fino all'ultimo respiro di Jean-Luc Godard, la cui eredità sul cinema a venire non ha mai cessato di farsi sentire in tutta la sua portata innovativa.  Parigi 1959, il centro del mondo. Godard dirige, Truffaut scrive.  Belmondo/Poiccard, piccolo omicida, corre a perdifiato per sfuggire alla polizia e a cinquant’anni di cinema di papà; Jean Seberg vende l’Herald Tribune sugli Champs Elysées, s’innamora, lo tradisce: ‘déguelasse’. Poco budget, molto amore per il B-movie americano, sguardi in macchina, jump-cuts, l’euforizzante sensazione che tutto sta per ricominciare. Domenica 3 con Colazione al Cinéma e Lunedì 4 con introduzione alla visione a cura di Roberto Lazzerini. In programmazione in versione originale sottotitolata.

Resta in programmazione in sala il nuovo film di Nanni Moretti TRE PIANI, tratto dall'omonimo romanzo dello scrittore israeliano Eshkol Nevo e presentato In Concorso alla 74° edizione del Festival de Cannes. Tredicesimo lungometraggio di finzione diretto da Nanni Moretti, Tre piani è il primo film che il regista romano, uno dei nomi più importanti e amati del nostro cinema, ha diretto senza partire da un suo soggetto originale.

Alla base della storia del film, infatti, c'è il romanzo omonimo dello scrittore israeliano Eshkol Nevo di cui sono protagoniste sono tre famiglie che abitano in un edificio borghese di Tel Aviv, dove la quiete regna apparentemente sovrana ma dove, dietro le porte degli appartamenti, la vita dei condomini non è di certo tranquilla, e le loro vite s'intrecceranno in modo inaspettato.

Tutte le informazioni sugli orari sul sito cinemasalapegasus.it



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.