cronaca

Una nuova app per valorizzare la rete museale di Spoleto e della Valnerina

 

'MuDì', presto disponibile per tutti gli smartphone e i tablet, fornirà agli utenti numerose informazioni e servizi

 

Verrà pubblicata nei prossimi giorni “MuDì”, la nuova applicazione volta a promuovere e valorizzare il patrimonio artistico della città e della Valnerina. Lo ha annunciato il Comune di Spoleto: si tratta di un’app, sviluppata dalla ditta “Intgeomod srl” nell’ambito del progetto “Connessioni Museali” finanziato dalla Regione, ad “alta capacità di interazione ambientale” in grado di fornire all’utenza numerose informazioni e servizi (come ad esempio la realtà aumentata e la geolocalizzazione tramite gps). 

L’iniziativa, che ha comportato un costo pari a 32.579 euro, coinvolge soprattutto: palazzo Collicola “Arti Visive”, la Casa romana, il museo del tessuto e del costume, il laboratorio di scienze della terra, il museo delle miniere di Morgnano, il museo dell’ex ferrovia Spoleto-Norcia, il museo della canapa di Sant’Anatolia di Narco, la casa dei racconti di Vallo di Nera, il museo della biga di Monteleone di Spoleto, il centro di documentazione “Il Ciarlatano” e il museo delle mummie a Cerreto di Spoleto. “Avete mai immaginato di vivere un’esperienza tridimensionale all’interno di un museo o lungo un percorso del territorio? Presto - spiega il Municipio - sarà possibile esplorare i comuni, i musei e i tracciati outdoor attraverso la realtà aumentata, direttamente sugli schermi dei nostri dispositivi! Vi basterà puntare lo smartphone o il tablet in direzione del punto di interesse per visualizzarne la riproduzione virtuale da diversi punti di vista. Tenetevi pronti per una nuova esperienza multimediale! A breve su Google e Apple store”.

L’obiettivo è quello di “raccontare, con l’ausilio di nuovi linguaggi, la rete dei musei e i suoi territori, le opere e le storie ad essi collegate creando un ciclo unico tra esperienza fisica e digitale”, in modo tale da “incrementare anche il numero dei fruitori e dare nuova linfa ai circuiti legati al turismo culturale”.



I commenti dei nostri lettori

Signor Smith

1 mese fa

Speriamo che all'atto pratico si riveli uno strumento efficace per aiutare il turista a meglio apprezzare Spoleto ed il suo patrimonio artistico e storico. Se poi, per dire, nei luoghi indicati ci fosse una rete WiFi che possa consentire di usare l'App sarebbe meglio... io avrei prima implementato il WiFi e poi avrei pensato ad un'App... ma io conto poco. Vedo che dall'elenco manca la Rocca ed il Museo del Ducato di Spoleto, spero non sia così... sarebbe un ennesimo progetto che parte già monco di una parte importante.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.