politica

Il punto di vista del Partito Democratico sulla sanità a Spoleto

 

Dubbi e timori sul futuro del 'San Matteo degli Infermi' nonostante le rassicurazioni fornite da Guido Bertolaso

 

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Partito Democratico su quanto accaduto nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale:

"Il Consiglio comunale di ieri ha fornito una serie di indicazioni utili ai cittadini con i nostri consiglieri del Partito Democratico determinanti punto su punto. Il momento clou è stato il collegamento da remoto del Commissario straordinario Covid, Giudo Bertolaso, atteso da tempo e che ha chiarito a mezza bocca di non avere competenze su Spoleto (sic!), di essere legato da decennale amicizia al Sindaco De Augustinis e di conoscere il valore dell’ospedale di Spoleto.

Guido Bertolaso non sapeva, ma grazie al Consigliere comunale del Partito Democratico, Marco Trippetti, ne è venuto a conoscenza che l’unico ospedale interamente Covid dell’Umbria non può contare sulla presenza h24 di pneumologi, infettivologi e cardiologi, figure essenziali per la cura dei malati Covid. E tutto questo ad un mese dall'attivazione dell'ospedale interamente Covid che oggi ha 100 pazienti in carico, di cui 13 in rianimazione, provenienti da ogni parte dell’Umbria, con personale medico e paramedico che si sta ammalando facendo peggiorare la situazione giorno dopo giorno. Bertolaso ha mostrato meraviglia, è sembrato che sobbalzasse dalla sedia, ha preso appunti, ha detto che riferirà immediatamente a chi di dovere affinché i professionisti indicati da Trippetti vengano inviati a Spoleto. Sarà ascoltato? Dal PD un’altra legittima domanda: come mai il Sindaco, che si sente con Bertolaso quasi ogni giorno, ancora non lo aveva informato delle carenze nell’organico dell’ospedale Covid che erano anche argomento della mozione votata all'unanimità in Consiglio?

Rassicurazioni che non rassicurano – Bertolaso ha tentato di rassicurare rispetto al ripristino del San Matteo degli Infermi riferendo parole della Tesei in questo senso. Ma anche in questo caso il Consigliere Trippetti aveva già fatto notare che riaprire un ospedale, quando si è smantellato tutto, non è come riaprire un supermercato. Da subito il PD chiede che nell’ambito del Piano Regionale Sanitario, che è allo studio della Regione Umbria, sia da subito chiarito e messo nero su bianco il futuro ruolo del San Matteo degli Infermi all'interno della riorganizzazione sanitaria umbra. Oltre all'emergenza da risolvere oggi questo è il punto centrale per il domani. E su questo non siamo tranquilli per nulla.

Inoltre, a fronte delle allarmanti dichiarazioni del Sindaco, che ha ammesso come l’ospedale non dia più risposte ai cittadini, riferendo anche dell’appello del primario di Ortopedia che segnala lunghissime liste di attesa per interventi chirurgici già programmati, un consigliere di FdI lo ha smentito riferendo il suo caso personale dal quale risulterebbe che sia stato curato dal Pronto soccorso. Ne siamo ben contenti per lui ma non sempre le esperienze personali riguardano tutti i cittadini. Saremmo soddisfatti se così fosse ma purtroppo sappiamo che non è così e che sono moltissimi i cittadini che raccontano di grandi difficoltà, a fronte di un impegno, ben oltre i propri limiti, del personale medico tutto che, ancora una volta ringraziamo".



I commenti dei nostri lettori

com San Matteo degli infermi

3 mesi fa

Chiaramente emerge che un referente privilegiato della presidente REGIONALE TESEI IL Dott Bertolaso non conosca bene la situzione emergenziale Covid del nostro ospedale di Spoleto che è stato votato completamente Covid,e che a quanto risulta non avuto le dovute attenzioni per rendere tale struttura ospedalie in efficenza Covid.La situazione quindi come risulta oltre che a dura prova sta mettendo anche a rischio gli operatori sanitari e gli stessi ricoverati Covid? Speriamo quindi che l'autorevole intervento del dottor Trippetti possa avere il giusto riscontro dalla politica regionale nella persona della massima autorita istituzionale della presidente Tesei. Le dichiarazioni del dott Bertolaso che confermano gli impegni pubblici della Tesei che alorquanto termina l'emergenza Covid, l'ospedale San Matteo degli infermi di Spoleto riavrà tutte le Sue eccellenze anti evento covid. Comunque la città di Spoleto vigilerà che gli impegni presi vengono concretizzati quanto prima altrimenti ci sarà una seconda rivolta popolare che porterà di nuovo gli spoletini e il popolo della valnerina al palazzo del governo regionale Umbro

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.