cronaca

Sciopero nazionale dell'Usb: domani (25) presidio davanti l'ospedale 'San Matteo degli Infermi'

 

'La Giunta regionale ha deciso di tagliare servizi nei territori più deboli politicamente ed economicamente, tra cui Spoleto, privando la collettività di cure essenziali'. Poi l'appello alla cittadinanza: 'Non spegniamo la mobilitazione'

 

“Nello sconquasso sanitario e sociale provocato dalla pandemia, la Usb nazionale ha percepito l’esigenza e l’urgenza di rappresentare la rabbia degli operatori sanitari, sottoposti di nuovo a ritmi e rischi intollerabili, nonché l’amarezza per i colpevoli ritardi ed errori delle misure di Governo e Regioni nel trasporto pubblico locale e nella scuola, che avrebbero potuto evitare l’attuale difficile situazione”. A parlare è il responsabile territoriale dell’Unione sindacale di base Ettore Magrini.

“Pertanto il 25 novembre è stato proclamato lo sciopero nazionale di sanità, scuola, nidi e tpl in quanto, nonostante il Covid abbia messo a nudo i danni di 30 anni di tagli, privatizzazioni e precarizzazioni, è evidente la mancanza di volontà politica a girare pagina. Tutto continua all’insegna dello svuotare lo Stato di funzioni essenziali e della precarietà: nel trasporto pubblico locale (di fatto privatizzato) non viene garantita la sicurezza e il rispetto dei diritti di lavoratori e cittadini; niente assunzioni stabili nella  scuola come nella sanità, dove addirittura vengono reclutati OSS, infermieri e medici con contratti di lavoro autonomo di durata massima di sei mesi”.

Invece, per Magrini, "la prima ondata pandemica aveva ben delineato le misure per attenuare gli effetti della temuta seconda ondata. Recupero di posti letto anche in ospedali chiusi, massicce e stabili assunzioni di sanitari per la prevenzione nei territori e approntamento di nuovi posti covid senza la sottrazione delle, già incerte, cure per tutte le altre patologie. Per tentare di rimediare, anche per proprie inadempienze, alla carenza di tali provvedimenti, la Giunta regionale umbra ha deciso di tagliare servizi nei territori più deboli politicamente ed economicamente, tra cui Spoleto, per dirottare i sanitari nella cura del virus, privando la collettività di cure essenziali e facendo precipitare tantissimi cittadini in gravi difficoltà”.

La cronaca di questi giorni, continua Magrini, “ci insegna che, mentre a Spoleto si riscontrano incomprensibili giravolte della politica locale, in territori altrettanto disagiati, la forte protesta dei cittadini per scelte scellerate sulla salute, ha prodotto un repentino ripensamento della Regione.  Perciò la USB Spoleto il 25 novembre organizza un presidio davanti alla Palazzina Micheli, chiamando i cittadini a non spegnere la mobilitazione contro l’ulteriore, decisivo ridimensionamento dell’ospedale e contro il progetto della Giunta Tesei di favorire la privatizzazione di un bisogno primario come la salvaguardia della salute. Lottiamo insieme per conquistare il diritto alla salute, al sapere e ai trasporti per tutti!”.



I commenti dei nostri lettori

Lavoratore

2 mesi fa

Ci saremo anche noi lavoratori delle pulizie in sciopero da quasi tre settimane. Solo uniti si vince

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.