sport

Tabellone Europei 2020: il possibile cammino azzurro

 

Anche se si giocheranno il prossimo anno, i campionati continentali mantengono il nome 'Euro2020'

 

L'Italia è fra le qualificate a Euro 2021, anche se continuerà a chiamarsi ufficialmente Euro 2020, e il percorso che ha condotto gli azzurri fino al raggiungimento di questo obiettivo è stato a dir poco esaltante. Numeri, ma non solo, per una Nazionale di calcio che ha anche ridestato l’entusiasmo ormai assopito di tutta Italia grazie al gioco e ai giovani. La squadra azzurra guidata da Mancini è inserita nel gruppo A insieme a Svizzera, Turchia e Galles e giocherà tre partite all’Olimpico, cosa che fa ben sperare da diversi punti di vista. Qui il calendario ufficiale dal sito della UEFA: https://it.uefa.com/uefaeuro-2020/

Gara inaugurale l’11 giugno all’Olimpico con la Turchia alle ore 21:00

L’Europeo che si terrà a partire dal’11 giugno e terminerà l’11 luglio della prossima estate non è soltanto un’occasione per alzare un trofeo per la nostra Nazionale dopo una serie di risultati davvero positivi: l’edizione dei prossimi campionati Europei di calcio sarà infatti inaugurata proprio su territorio italiano. L’Olimpico di Roma non soltanto ospiterà la partita d’esordio degli azzurri contro la Turchia alle ore 21:00, ma sarà teatro delle altre due partite dell’Italia e di uno dei quattro quarti di finale. L’Italia non è dunque soltanto nettamente fra le prime sei favorite alla vittoria finale insieme a Belgio, Francia, Inghilterra, Portogallo e Spagna, come ci confermano anche le quote consultabili a questo link: https://www.planetwin365.it/, ma avrà anche l’onere e l’onore di ospitare quattro partite della manifestazione. La nostra nazione avrà dunque una grossa opportunità per mettere in mostra le proprie abilità organizzative e confermare la fiducia accordata all’Italia che sarà sede delle Olimpiadi invernali 2026, organizzate dal duo Milano-Cortina. Le prime tre partite dell’Italia saranno come detto l’11 giugno alle ore 21:00 contro la Turchia, il 16 giugno ci sarà invece Italia-Svizzera a Roma alle ore 21:00, mentre la terza e ultima partita del girone per gli azzurri sarà Italia-Galles alle ore 18:00, sempre all'Olimpico. 

Il possibile cammino degli azzurri verso la finale 

Tra la finale dei prossimi Europei di calcio, che si terrà a Londra l’11 luglio a Wembley, e l’inaugurazione a Roma, tutte le altre partite saranno disputate in nove nazioni europee. Ciò accade perché i prossimi sono in assoluto i primi Europei mai disputati con la nuova formula “itinerante”, che prevede ben 12 città ospitanti, come conferma quest’articolo: https://www.calcionews24.com. Giocando un po’ col tabellone e fantasticando sul possibile percorso azzurro nella competizione, possiamo vedere che se l’Italia si qualificasse come prima nel proprio girone, agli ottavi di finale potremmo affrontare la seconda classificata del girone C, in cui sono presenti Olanda, Ucraina, Austria e la Macedonia, fresca di vittoria nello spareggio contro la Georgia, con goal del genoano Pandev. Se la squadra di Mancini dovesse piazzarsi seconda nel gruppo G, allora potrebbe affrontare la prima del gruppo in cui sono presenti Belgio, Russia, Danimarca e Finlandia. Ma l’incrocio con il gruppo del Belgio avverrebbe anche se l’Italia vincesse il proprio girone come prima e vincesse l’ottavo di finale. In semifinale non ci si potrà più nascondere e chi vorrà arrivare in fondo dovrà affrontare una delle superstiti di uno dei gironi più duri dell’Europeo: il gruppo F con Germania, Portogallo, Francia e Ungheria. 

Qualsiasi sarà il percorso azzurro, la nazionale avrà la certezza nella fase iniziale di poter contare sul calore dell’Olimpico di Roma e i precedenti in una manifestazione ufficiale fanno ben sperare. A Italia ‘90 la Nazionale allenata da Vicini vinse tutte e tre le partite del girone giocate all’Olimpico e continuò a vincere con l’Uruguay e con l’Irlanda sempre a Roma, fermandosi solo a Napoli in semifinale ai rigori contro l’Argentina di Maradona. 

 

 



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.