politica

Ufficiale: i consiglieri comunali Cretoni, Militoni, Fagotto Fiorentini e Pompili espulsi dalla Lega

 

Stessa sorte per gli assessori Flavoni e Zengoni. Lo rende noto il segretario regionale Caparvi: 'Hanno agito reiteratamente al di fuori della linea politica'

 

I consiglieri Sandro Cretoni, David Militoni, Giampaolo Fagotto Fiorentini e Debora Pompili, e gli assessori Francesco Flavioni e Maria Rita Zengoni, non rappresentano più la Lega Umbria. A comunicarlo è il segretario regionale Lega Umbria Virginio Caparvi: “Il provvedimento di espulsione dal partito si è reso necessario – spiega Caparvi – poiché gli stessi hanno agito reiteratamente al di fuori della linea politica della Lega Umbria”.

Trovano quindi conferma le voci circolate nei giorni scorsi: ai 4, in particolare, è stato contestato di non aver sostenuto il presidente della Regione Donatella Tesei nell’ambito della riconfigurazione del “San Matteo degli Infermi” in ospedale Covid, schierandosi invece dalla parte del sindaco Umberto de Augustinis. 

In consiglio comunale la Lega potrà contare soltanto sul commissario locale Riccardo Fedeli, Cesare Loretoni e Stefano Proietti.



I commenti dei nostri lettori

Altramarrogghia

2 mesi fa

Hanno fatto bene i consiglieri esclusi dallalega. E caro Salvini vedi di riguardare chi ti rappresenta in Umbria.

Panicomio

2 mesi fa

La Lega è il male assoluto. Speriamo che ora lo capiscano, speriamo di non vedere mai e mai più in piazza garibaldi punti di raccolta firme per questo partito del male.

Alessandro Ciamarra

2 mesi fa

Onore ai consiglieri e agli Assessori dell'Amministrazione Comunale di Spoleto che hanno difeso l'ospedale cittadino, andando contro i propri interessi. Ricordiamoci per il futuro di questo partito e della sua classe dirigente, che non ascolta i cittadini spoletini e del territorio e che sta mettendo in difficoltà gli interessi della Nostra Città, solo per mero sfoggio del potere e per meri calcoli elettorali. Calpestare la Democrazia è molto più facile che ascoltare le opinioni della maggior parte dei cittadini. Continuiamo a lavorare uniti per il futuro della Nostra città e del compresorio.

Marielaide

2 mesi fa

Riassumiamo . La Presidente regionale e la sua Amministrazione non hanno saputo pensare e realizzare a tempo debito, avendone tutti i mezzi, ciò che sarebbe stato indispensabile per fronteggiare la seconda ondata dell’epidemia che è puntualmente arrivata . “ Essendo ormai tardi per fare qualsiasi cosa,ha preso le decisioni che tutti conosciamo e di cui patiamo le conseguenze : chiudere il nostro Ospedale. Oggi sono stati espulsi dalla Lega Consiglieri , Assessori, Tecnici della nostra Amministrazione perchè si sono opposti alla chiusura dell’Ospedale decretato dalla Tesei , hanno deciso di scegliere la strada del buon senso e di rispondere direttamente ai cittadini di Spoleto che li hanno eletti , a nessun altro.Sono stati espulsi” perchè hanno agito fuori della linea politica della Lega “ , così recita il comunicato del segretario regionale della Lega Caparvi, perchè hanno difeso la propria città , perchè non hanno obbedito ciecamente alla Tesei. E allora noi tutti cittadini di Spoleto diciamo agli espulsi:BRAVISSIMI, ottima scelta , una scelta responsabile e coscienziosa , in tempi in cui la dote più importante che dobbiamo dimostrare il senso di responsabilità .”BRAVISSIMI”!Se la Lega vi ha espulso , noi tutti vi promoviamo a pieni voti . Mentre la Presidente tace . Forse starà pensando al fatto che prima o poi la pandemia finirà e allora qualcuno le chiederà conto delle inadempienze sue e della sua Amministrazione . Come noi cittadini di Spoleto chiederemo conto ai 10 Consiglieri che hanno creato un caos vergognoso nel Consiglio Comunale , ai danni dell’ Ospedale di Spoleto e della Città.E anche a qualcun altro a cui SPOLETO ha dato i natali, ma del quale Spoleto non va fiera.

Danilo

2 mesi fa

Questa è la democrazia che impone la lega. dovevano quelli del cambiamento,invece sono quello dello sfascio.Non si vergogna il segretario Caparvi ha far nominare un assassore regionale (non me ne vogliono l'ordine dei geometri)non eletto nella nostra regione un geometra fatto venire dal Veneto e ora stà dimostrando tutta la sua incapacità x l'emergenza covid e in un nuovo piano sanitario.In Umbria non c'era un tecnico che aveva esperienza nella sanitaà.AVETE FALLITO COME VI PRESENTATE HA SPOLETO

Dario

2 mesi fa

Vergogna ! vergognatevi voi traditori della città ! Cosa vi hanno promesso ?

don Abbondio

2 mesi fa

Caparvi, chi era costui? Direbbe un Don Abbondio spoletino, leggendo il tonitruante comunicato della Segreteria Regionale della Lega. Infatti, nessun atto degno di nota, apprezzabile dalla cittadinanza , è stato compiuto dal suddetto onorevole a favore di Spoleto, da quando, purtroppo, il Parlamento lo ha accolto. Asserisce che i 4 reprobi si sono posti al di fuori della linea del partito;quale era questa sedicente linea leghista? Chiudere il Pronto Soccorso, abolire quasi tutti i reparti, creare una pericolosa promiscuità tra area covid ed area non covid, recitare in coro “va tutto bene madama la marchesa”? Tutto questo per non farsi scavalcare a destra dai fratelli-cugini (d’Italia) , col rischio di cascare avvinghiati insieme dallo strapuntino. Ma, Benedetto Iddio, invece di ringraziare il Signore con la faccia per terra, per aver espugnato una roccaforte rossa da almeno 45 anni, credono di poter sbaraccare tutto, illudendosi di vincere di nuovo, affidandosi a qualche improbabile candidato-Sindaco. Non si accorgono che la gente non li sopporta, che qualcuno ha perfino proposto l’ostracismo per chi guarda solo al proprio particolare, senza mai guardare al Bene Comune, che per loro è una figura retorica incomprensibile. Auguri, ma Matteo e Giorgia che dicono?

Cittadino

2 mesi fa

Bene hanno fatto questi consiglieri e assessori. D'altronde loro sono chiamati a rispondere alla città, non a seguire le idee strampalate e dannose di quei 2 o 3 geni della regione e gli altri 2 senatoroni

perry

2 mesi fa

Assurdo .....se la signora Tesei avrebbe ordinato a questi signori di buttarsi dal ponte delle torri questi che cosa avrebbero dovuto rispondere "obbedisco"....perchè gli ordini di scuderia erano questi ....Assurdo...questi signori sono di Spoleto e devono rispettare in primis il volere degli Spoletini e il volere degli Spoletini era ben chiaro anche alla signora Tesei....

spoletino verace

2 mesi fa

Ennesima dimostrazione qualora ce ne fosse ancora bisogno,che all'interno della lega non esiste DEMOCRAZIA,solo ed escusivamente la volontà dei capi,una esplicita dittatura.

Alessandro Bocci

2 mesi fa

Evviva la DEMOCRAZIA .

GUERRINO FIORETTI

2 mesi fa

se qualcuno deve sparire dalla vita politica della città, sono i 3 che hanno anteposto l'odio e l'astio agli interessi della città, alle prossime elezioni candidatevi altrove, GLI SPOLETINI NON DIMENTICANO, chi tradisce la città.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.