sport

Mercato, la Ducato punta tutto su Scipioni per la difesa

 

Il giocatore però spera ancora nello Spoleto

 

La Ducato si era interessata a lui fin dallo scorso dicembre, poi non se ne fece più nulla perché Stefano Scipioni restò allo Spoleto. Nonostante il clima da “separati in casa” con l’allenatore Gagliarducci. Al “tatuato” di Colleferro, il fortissimo centrale teramano diceva solo: “Buongiorno Mister, buonasera Mister”. Rapporti ridotti al minimo. Logorati da una prevaricazione che Stefano, tanto “cattivo” in campo ma un pezzo di pane fuori, non tollerava. Adesso, però, Stefano Proietti Costa è pronto a tornare all’assalto del difensore, che ha fatto di Spoleto la sua seconda casa. Vive in un appartamento di proprietà del patron Luigino Santirosi con cui i rapporti sono eccellenti. Ma i pretendenti alle sue prestazioni sono tanti. E tutto dipenderà dall'affidabilità dell’offerta.

Un mese fa, Scipioni ha detto di no alla Tiferno Città di Castello, rivale dello Spoleto nell’ultimo torneo di Eccellenza, che gli offriva un contratto a 20 mila euro di rimborsi per dieci mesi più vitto e alloggio. Su queste cifre, la Ducato non può né vuole competere. Ma Santirosi può mettere sul piatto altri argomenti per convincere il difensore abruzzese di origini ma marchigiano di adozione (vive a Caldarola), ad accettare la proposta giallo verdeblù.

La società di San Giacomo è disposta a fare un sacrificio pur di arrivare al giocatore, ma niente pazzie. “Abbiamo adottato una linea che è quella del rigore", dice il vice presidente Filippo Ferroni. "Se poi Luigino Santirosi deciderà di fare uno strappo alla regola, ne prenderemo atto con piacere”. Il tecnico Riccardo Caporali lo ha messo in cima alla lista dei suoi preferiti. Uno come lui toglierebbe molte castagne dal fuoco davanti al portiere Carsetti.

Ma la trattativa ha molte variabili. Non ultima, quella legata al destino dello Spoleto arabo-americano della principessa Norah Al Saad e di Max Pincione. Il tempo gioca ancora a favore della società biancorossa, che ha ancora due settimane di tempo per iscriversi all’Eccellenza. Se così dovesse accadere, nel ruolo di direttore sportivo resterebbe Alberto Del Frate e Stefano Scipioni resterebbe ancora un anno in biancorosso. Troppo forte il suo legame con il dirigente e factotum della cordata della Real Casa saudita. Ma un ruolo importante, nelle scelte di Scipioni lo avrà anche la sua compagna marchigiana Veronica Ferroni, che nei fine settimana è spesso a Spoleto con il giocatore.

ATTENZIONE ALL’ESPERIENZA – La Ducato, dal canto suo, non sottovaluta il mercato degli over 30, perché a una squadra ringiovanita come quella che farà da base di partenza per Caporali servirà l’esperienza di chi può farsi trascinatore. E Scipioni, fortissimo nel gioco aereo così come nell’anticipo, saltatore eccellente anche quando si tratta di andare a cercar gloria nell’area avversaria, può fare al caso della squadra di Caporali.

LIMBO SPOLETO – Intanto, sul fronte opposto continuano le “conference calls” tra Max Pincione, bloccato a New York, e Alberto Del Frate. Il braccio destro della Principessa vuole rituffarsi in una nuova avventura, ma con altri soci che lo sostengano. E che avrebbero già dimostrato il loro interesse. Il problema sta tutto nelle perplessità della principessa Norah Al Saad, che teme le ripercussioni a livello legale che potrebbe avere una malaugurata ipotesi di contagio da Covid dei componenti lo staff tecnico. Paure che la Principessa ha più volte esternato e che, sinora, lo stesso Pincione non è riuscito a fugare.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.