sport

Tra Isidori e la Ducato è divorzio

 

L'allenatore della Juniores amareggiato. Squadra affidata a Di Tanna

 

Nel borsone da calcio che preparava da bambino, oltre agli scarpini, aveva messo un sogno: diventare un calciatore professionista e segnare tanti gol. Quel sogno Marco Isidori l'ha carezzato quando giocava nelle giovanili della Ternana con la convocazione in prima squadra. Non è stato facile farsi strada, prima da calciatore che in area di rigore aveva un tiro semplicemente fulminante, poi come allenatore. C'è sempre qualcuno pronto a vedere il dito e non la Luna. Anche quando i risultati parlano a tuo favore. Alla Ducato, in piena spending review (meno che per lo staff tecnico della prima squadra), non si sono accordati con il tecnico di via Visso. Forse perché era già nei piani promuovere Matteo Di Tanna alla guida della Juniores, dopo il buon risultato conquistato con gli allievi.

Un risarcimento per non avergli affidato la prima squadra? Il presidente della società gialloverde blu, Michele Zicavo, smentisce decisamente. "Di Tanna è uno di quei ragazzi che abbiamo avuto l'orgoglio di crescere e che vuole fare il mestiere dell'allenatore. Nessun risarcimento, ma la consapevolezza di poter puntare su uno tra i migliori allenatori in circolazione ". Con Isidori comunque nessun lancio di stracci. "Ci siamo lasciati in maniera molto amichevole", aggiunge Zicavo. "Marco aveva grosse difficoltà a conciliare gli impegni lavorativi con quelli della panchina".  Quella panchina che lo stesso Isidori avrebbe comunque meritato: lui, che nelle 5 volte che guidò la Voluntas in serie D per sostituire Brevi, non perse un punto.

Del resto, l'ex tecnico della Voluntas ha avuto sempre le idee chiare: mai svendersi." Mi spiace tantissimo, ma alle cifre del rimborso che mi ha offerto la Ducato - dice - non ho allenato neppure la Pontano in seconda categoria. Il mio lavoro mi assorbe tanta parte della giornata e quindi  preferisco attendere alla finestra qualche chiamata in corsa dalla Prima o Seconda categoria. Se poi dovessi restare fermo non sarebbe assolutamente un dramma. Fortunatamente non vivo di calcio".

Entusiasmo e determinazione.  Pragmatismo ed affetto per i suoi giocatori. Sono queste le doti che hanno fatto di Isidori un ottimo allenatore soprattutto a livello giovanile. Memorabile il campionato Juniores vinto con la Voluntas dell'epopea di Luigino Santirosi e con Paolo Berrettini, ex ct azzurro, come direttore tecnico. Altri tempi. Adesso il calcio giovanile deve ancora uscire dalle paure del Covid-19 e temere una nuova ondata che lo condannerebbe a morte. "Ringrazio i miei ragazzi che hanno avuto la pazienza di ascoltarmi e sopportarmi in queste stagioni trascorse alla Ducato", conclude Isidori. "Spero di avere loro insegnato come si sta in campo. Non solo da giocatori, ma da uomini". Qualcuno si è già affacciato al proscenio della prima squadra con Ezio Brevi. Altri lo faranno il prossimo campionato. Ed allora, chi sa di calcio, capirà quanto ci sia stata la mano di Marco Isidori.



I commenti dei nostri lettori

incredulo

2 mesi fa

vuole fare il mestiere di allenatore? con 200 euro al mese ? ahahahahah !!

Che novità

2 mesi fa

Grande mister Isidori, purtroppo ci sono società che non guardano il curriculum di un allenatore, guardano solamente chi si svende pur di stare su una panchina. Non calendo che ne nuoce la crescita dei ragazzi. Tanto è stato e sarà sempre cosi se sei amico degli amici OK altrimenti sotto un altro. In bocca al lupo MISTER

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.