cronaca

Domenica 28 giugno riparte il Frecciarossa Perugia-Milano-Torino

 

L'assessore regionale Melasecche: 'Contiamo di arrivare a 200 mila nuovi potenziali utenti'

 

Domenica prossima, 28 giugno, dopo il lockdown dovuto al coronavirus, ripartirà il Freccia Rossa Perugia-Milano. Lo annuncia l’assessore regionale ai trasporti dell’Umbria, Enrico Melasecche, sottolineando “com’è noto si tratta di un treno a mercato che viene attivato solo a condizione che il numero dei viaggiatori paganti ed il contributo di Enti e soggetti vari copra i costi relativi. Un doveroso ringraziamento quindi vogliamo rivolgerlo alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che contribuisce con 330 mila euro l’anno a coprirne le spese.

Il contratto sperimentale del 2018 sarà dunque prorogato a fine anno. “Nel frattempo – ha affermato l’assessore - il Piano economico-finanziario iniziale ha subito un aggravio di spese che siamo riusciti a contenere grazie al numero dei viaggiatori passati dai 30 previsti inizialmente ai 90 attuali ma che contiamo di aumentare ulteriormente, grazie alla estensione del bacino a circa 200 mila nuovi potenziali utenti. Siamo inoltre riusciti, grazie ad una transazione, a ridurre i maggiori costi conseguenti al raddoppio del macchinista e del capotreno quando i convogli partono in orario antelucano.

Coniugare il miglioramento dell’offerta dal punto di vista qualitativo con il contenimento delle spese costituisce per la giunta un obiettivo di carattere generale che nonostante le difficoltà del periodo, ci permette di conseguire ulteriori positivi risultati. Con questo obiettivo – ha proseguito Melasecche - è stato istituito il treno che collega da qualche giorno Foligno ed Assisi con il Freccia Rossa di Perugia, obiettivo che quei territori auspicavano da anni ed i cui biglietti sono fin d’ora prenotabili come si evince dalla consultazione del sito di Trenitalia.

Nel frattempo è in via di necessaria predisposizione una nuova “manifestazione di interesse” che contiene anche la fermata di Terontola che verrà introdotta dopo il cambiamento di orario di dicembre e sulla cui fattibilità tecnica da mesi Trenitalia aveva manifestato per iscritto l’assenso a partire dal 14 giugno scorso, salvo il rinvio imposto dal coronavirus che ha sconvolto l’intero settore”.

“Da qui la notizia data doverosamente due mesi or sono – spiega l’assessore -, di quella nuova fermata, agognata da anni, che ha suscitato qualche risibile risentimento in alcuni soggetti che sembra si dispiacciano delle risposte positive che la giunta Tesei sta dando agli umbri e, nel caso specifico, anche ad una parte delle popolazioni della vicina Toscana che auspichiamo voglia contribuire a sostenere il costo di quel servizio che verrà esteso a vari comuni della Val di Chiana e territori limitrofi. Una doppia vittoria del buon senso e del buon governo – ha concluso Melasecche - che cerchiamo di avere sempre come stella polare nella nostra azione amministrativa composta di fatti concreti e non di parole”.



I commenti dei nostri lettori

OPEN YOUR EYES

13 giorni fa

Sarebbe interessante valutare il progetto alta velocità in toto, così per puro divertimento, perchè ormai è fatto... Ci sono Stati Europei che non l'hanno adottata e viaggiano con i pendolino italiani ( velocità massima 260 km/h ) Alta velocità Italiana ( 300 Km/h ). Cioè, se io vado da Roma a Milano a 300 Km/h ( 195 di media) ci metto 3 ore, se ci vado a 260Km/h ci metto 3 ore e 20 minuti ( anche meno perchè certe tratte i due treni andrebbero alla stessa velocità). Allora vi rendete conto di che razza di buffonata che è l'alta velocità. Invece di raddoppiare la linea esistente, ammodernarla e mettere a disposizione di tutte le città la "media velocità" dei pendolino, hanno creato questo mostro che esclude tanti e favorisce pochi... con chissà quante mazzette pagate e sprechi di soldi pubblici. Di fatto creando cittadini di serie A e di serie B, città di serie A e città di serie B. La maggioranza degli italiani pendolari costretti a viaggiare in treni che sono gli stessi di quando ero piccolo, cioè 40 anni fa... Lotte fratricide per ottenere la fermata del Freccia Rossa. Ora vince forse l'Umbria del Sud, ma se ricambia governo, torneremo terzo mondo, con treni lumaca??? L'Italia è tutta una buffonata. Forse valeva la pena aspettare la supervelocità ( treni a 5-600 km/H o l'Iperloop addirittura 900km/h) invece di creare questo mostro??? Qualcuno che risponde c'è tra i lettori e contesta quello che ho scritto?

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.