cronaca

Movida in piazza del Mercato, 16 giovani multati dalle forze dell’ordine

 

Intensificati in centro storico i controlli, che proseguiranno nel weekend. Il sindaco de Augustinis: "Basta assembramenti o saremo costretti a chiudere locali o parti della città"

 

Intensificati i controlli delle forze dell’ordine in centro storico al fine di far rispettare i provvedimenti anti Coronavirus. Nella serata di ieri carabinieri, polizia e e guardia di finanza hanno identificato e multato per assembramento 16 giovani presenti nei bar di piazza del Mercato, la maggior parte dei quali sprovvisti delle mascherine. Nessuna sanzione, invece, per i titolari degli esercizi commerciali. La zona resterà sotto osservazione anche nelle prossime ore.

Sulla vicenda, attraverso un nuovo videomessaggio postato su Facebook, è intervenuto anche il sindaco Umberto de Augustinis: “Non devono esserci assembramenti e dobbiamo continuare a rispettare le regole, altrimenti saremmo costretti a chiudere locali o parti della città, danneggiando la città stessa. Se ciascuno di noi è responsabile, possiamo affrontare queste fase con maggiore tranquillità”



I commenti dei nostri lettori

Leonelupo

5 ore fa

...non confondiamo il senso civico e considerare Spoleto un Bene Comune....con il problema...e su questo sono contrario... di chi vorrebbe creare altre forme di controllo come se non bastassero già quelle esistenti

Pazzo del mercato

10 ore fa

Mabasta Co sta nevrosi. In Umbria siamo a zero casi. E fateci campare! Qui tra guardie civiche e delatori della porta accanto non si campa più

Soluzione trovata

2 giorni fa

Visto che un certo "mago/a" che risiede in città osa fare dell'ironia su una faccenda così seria, ridicolizzando quelle che sono le disposizioni delle autorità per la salvaguardia della salute dei cittadini, invito il nostro Sindaco di permettere degli assembramenti solo in prossimità dell'abitazione del chiaroveggente. Così se gli procureranno qualche fastidio, di salute, di rumore o di qualsiasi genere, avrà modo di mettere in pratica qualche suo stratagemma, come quello di scomparire, per evitare di infettarsi e di infettare tutti gli altri.

Leonelupo

2 giorni fa

...non si tratta di voler essere sceriffi...ma di rispettare un nostro Bene Comune...Spoleto...

Luca

2 giorni fa

Ragazzi allora tutti a casa di "mago" ha posto per socializzare. Accorrete numerosi. La porta del fenomeno è sempre aperta ahahha.Fiesta toda la noche

Mago

2 giorni fa

Orde di ragazzi.. Ahahhahha. Il nuovo pericolossimo reato del 20 esimo secolo la socializzazione tra ragazzi o persone.. Ragazzi create della associazioni a delinquere così sarete tutelati dallo stato e dalla opinione dei "fenomeni". Fortunatamente è nato il nuovo comitato di sceriffi cosi vivremo tutti più sereni e controllati..

Matteo

2 giorni fa

Ho la sensazione che alcune persone non si rendani conto di quello che successo. Come se nulla fosse accaduto...

pizzolo

3 giorni fa

Purtroppo abbiamo dato vita ad una generazione di "fenomeni"

Leonelupo

3 giorni fa

Bene...caro Sindaco...il centro storico da diversi anni la sera è in balia di orde di ragazzi che oltraggiano le nostre piazze..i nostri vicoli....i nostri spazi verdi...il nostro sonno...adesso non rispettano neanche le minime regole della sicurezza personale ed altrui....il Centro Storico va purtroppo monitorato sempre per il bene della Nostra splendida Città

Luca

3 giorni fa

Ragazzi, vergognatevi! Ieri sera in piazza del mercato era un delirio. Conta più uno spritz che la salute per questi scienziati. Sindaco, la sera faccia due passi in centro storico e prenda provvedimenti prima che sia troppo tardi.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.