sport

La Polizia Penitenziaria si riappropria del Comunale

 

 

Non sarà come il primo giorno di scuola, ma per alcuni versi ci andremo anche vicini. Nel senso che già solo varcare la porta carraia del Comunale, dopo due mesi e mezzo di assenza, sarà emozionante. Esattamente come ritrovare gli uomini che hanno affiancato Angela Giuseppina Carmeli nella gestione della società calcistica della Polizia Penitenziaria. 


Insomma, proprio come quando gli alunni si ritrovano al via della nuova stagione scolastica, dopo un bel periodo di vacanza. Solo che qui la “vacanza” è stata forzata. “Già solo rientrare allo stadio è una sensazione bellissima – dice la presidentessa Carmeli -. L’ultimo allenamento dei miei ragazzi risale al 28 febbraio. Poi, prima ancora che la Federazione decidesse la sospensione dei campionati, con il comandante degli agenti, Marco Piersigilli decidemmo di chiudere l’accesso al pubblico perché la salute viene al primo posto”. Dal 18,però, si potrà ripartire. Distanti ma vicini. E, con tutte le accortezze che richiede la situazione sanitaria, la società delle Fiamme Azzurre effettuerà un sopralluogo per programmare gli interventi di manutenzione necessari. In questo periodo di lockdown, infatti, il manto erboso non è stato più tagliato. Come non si è più proceduto allo sfalcio del settore prato. Non fosse altro perché, nei mesi invernali, non è necessario. L’ultimo intervento, come ha spiegato la presidentessa Carmeli, è stato effettuato subito l’Epifania. Al sopralluogo, oltre alla Presidentessa ed al comandante degli agenti Marco Piersigilli, parteciperanno il suo vice Nicola Borrelli, il segretario e fondatore della società Mauro Coccia, i dirigenti Moreno Piernera, Renzo Proietti Costa, Luca Proietti, unitamente al tecnico della prima squadra Fabrizio Santarelli ed a quello della formazione juniores, Pasquale Ercolano.

Le operazioni di manutenzione saranno effettuate con la collaborazione della ditta Bocci Novello. “Purtroppo la pandemia è arrivata nel momento in cui la squadra stava esprimendosi al meglio e si trovava al terzo posto – prosegue la presidentessa Carmeli -. Il mio obiettivo era quello di portare questi ragazzi a disputare la Prima Categoria. Faremo domanda di ripescaggio? Quando il Comitato regionale avrà diradato le nubi che attanagliano tutto il movimento regionale, se ci sarà data l’opportunità non ci tireremo indietro, perché abbiamo tutte le carte in regola per disputare la categoria superiore”. Crederci è importante. Può far crescere l’autostima. E poi, il tentativo è a costo zero e senza nulla a pretendere. Non ci saranno obblighi, ma soltanto la volontà e l’impegno per tentare l’impresa.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.