economia

Approvata dalla Banca d'Italia la fusione Bps-Banca Desio

 

 

Con riferimento alla fusione per incorporazione di Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (“BPS”) in Banco di Desio e della Brianza S.p.A. (“Banco Desio”), si rende noto che, in data 8 marzo 2019, la Banca d’Italia, considerato l’esito positivo dell’istruttoria dalla stessa condotta, ha rilasciato l’autorizzazione alla fusione sensi degli artt. 56, 57 e 61 TUB. Per maggiori informazioni in merito alla Fusione si rinvia al comunicato stampa congiunto di Banco Desio e di BPS dell’11 dicembre 2018.


Il progetto di fusione, approvato dai Consigli di Amministrazione di Banco Desio e di BPS in data 11 dicembre 2018, sarà dunque depositato presso il rispettivo Registro delle Imprese ai fini della relativa iscrizione. Subordinatamente al rilascio della Relazione sulla congruità del rapporto di cambio ai sensi dell’art. 2501‐sexies, c.c., il Progetto di Fusione sarà sottoposto all’esame e all’approvazione delle Assemblee straordinarie di Banco Desio e di BPS. Banco Desio e BPS provvederanno a rendere disponibile la documentazione necessaria di fini della Fusione nei tempi e secondo le modalità previste ai sensi di legge e di regolamento.

BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione

Stefano Lado

BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione

Tommaso Cartone



I commenti dei nostri lettori

Brontolo

2 anni fa

Grazie, Partito Democratico. È tutto merito tuo, così come per la Minerva, la Pozzi, la Novelli, la Cantina Cooperativa e la Cementir. Per non parlare della viabilitá.

(Lamberto Gentili) Senza speranza

2 anni fa

Un altro pezzo di sSpoleto che se ne va1 Quanto ai nuovi interessi Spoleto l'abbiamo appreso con la vicenda del Burri e del Leoncillo.. Mungere quanto possibile, senza ritegno.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.