società

Consegnata la Lex Spoletina a Michelangelo Zurletti

 

Il presidente degli Amici di Spoleto Pompili: Ha contribuito significativamente ad accrescere il prestigio e limportanza del Teatro Lirico Sperimentale con conseguenti positive ricadute sulla nostra città

 

LAssociazione Amici di Spoleto presieduta da Dario Pompili ha consegnato la Lex Spoletina 2015 a Michelangelo Zurletti, consulente didattico artistico del Teatro Lirico Sperimentale. La cerimonia si è tenuta a Spoleto giovedì


 10 settembre alle ore 11 in una affollatissima Sala Ermini di Palazzo Ancaiani con la partecipazione del sindaco Fabrizio Cardarelli. Sono intervenuti anche il presidente della Fondazione Carispo Sergio Zinni, il presidente della Fondazione Francesca, Valentina e Luigi Antonini, Camillo Corsetti Antonini, ed il professore e critico musicale Enrico Girardi.
La "Lex Spoletina 2015" è stata attribuita a Michelangelo Zurletti per la sua attività artistica ed il suo rapporto con il Teatro Lirico Sperimentale e la città di Spoleto. La Lex Spoletina ha spiegato Dario Pompili -, viene assegnata dallAssociazione Amici di Spoleto a quelle personalità spoletine e non che hanno saputo valorizzare grazie al loro impegno ed al loro talento, le istituzioni artistiche e culturali della nostra città. Tale riconoscimento consiste nella riproduzione artistica di un 'cippo' in pietra del secolo III a. C. che riporta norme a difesa dei boschi sacri. Lo spirito dellantica Lex si è mantenuto vivo nel tempo ed ha trovato la sua più preziosa manifestazione nel Monteluco Lucus Sacer che per secoli ha significato e significa per gli spoletini riposo pace e bellezza della natura. Considerazioni che ancor oggi ci appaiono di grande attualità e lungimiranza in quanto ovviamente estensibili alle attività culturali ed artistiche in genere che la nostra città ha lorgoglio di aver perseguito e voluto nel corso della sua millenaria storia con ferma volontà e profonda convinzione ed esprimendo sentimenti di sincera gratitudine verso tutti coloro che hanno reso possibile il perseguimento di tali obbiettivi. Il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto è tra le istituzioni artistiche più amate ed importanti della nostra città.
In questo quadro è stata assegnata la Lex Spoletina, con delibera unanime del Consiglio Direttivo del 7 aprile 2014, al Maestro Michelangelo Zurletti dal 1989 collaboratore e consulente artistico didattico del Teatro Lirico; grazie al suo impegno, alla sua autorevolezza e indiscussa competenza, egli ha contribuito significativamente ad accrescere il prestigio e limportanza di tale istituzione con conseguenti positive ricadute sulla nostra città. Grazie Maestro Zurletti per quello che ha fatto per quello che noi tutti ci auguriamo vivamente farà per il Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto".

Prima di Michelangelo Zurletti, negli ultimi anni lAssociazione Amici di Spoleto ha insignito della Lex Spoletina personalità come la signora Carla Fendi, Gian Carlo Menotti, Arnaldo Pomodoro, Gian Luigi Rondi, Luca Ronconi, Renato Bruson, Sonia Ganassi, Bruno Toscano, Giovanni Carandente, Antonino Gullotti, Guido Carli ed altri illustri rappresentanti del mondo della cultura, dellarte e delleconomia.

 


 



I commenti dei nostri lettori

cittadino curioso

5 anni fa

Manca dall'elenco delle persone insignite Michael Gregorio , spero solo sia in refuso !

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.